Ristrutturazione dei debiti senza il consenso dei creditori.

0

Ristrutturazione dei debiti senza il consenso dei creditori.

In merito alla procedura di sovraindebitamento, circa il piano di ristrutturazione del debitore, la recente pronuncia del Tribunale di Bergamo, con il Giudice estensore Dott. Mauro Vitiello, chiarisce le funzioni discrezionali del Tribunale.
Il Tribunale è preposto alla sola valutazione di legittimità e fattibilità della proposta stessa avanzata dal debitore, essendogli fatto divieto di valutare la convenienza del piano che, invece, è riservata esclusivamente ai creditori mediante il diritto al voto.
Nella specie il Tribunale ha assunto che: “… la valutazione cui il giudice delegato e chiamato non può inerire alla convenienza della proposta di soddisfacimento rispetto all’ipotesi alternativa del pagamento derivante della liquidazione concorsuale del patrimonio del debitore.
Il giudizio di convenienza è infatti riservato alla massa dei creditori concorsuali, che sono chiamati ad esprimersi sulla proposta con l’eventuale approvazione, nonché al singolo creditore concorsuale che abbia dissentito in sede di votazione, cui deve ritenersi sia riservato lo strumento della contestazione della proposta.
Il giudice delegato è pertanto chiamato a valutare esclusivamente la legittimità del procedimento e la fattibilità del piano sottostante alla proposta di accordo.
Nella procedura in commento, alcuna contestazione da parte dei creditori è stata rinvenuta rispetto alla domanda di omologa e il Tribunale ha omologato, in favore del debitore, il piano del debitore che prevedeva la soddisfazione dei creditori nella misura percentuale del 2,5%.
Per comprendere la portata dei vantaggi della presente procedura di esdebitazione, valga considerare che il debito per il quale si è fatto ricorso alla procedura in esame ammontava ad € 300.000,00 circa.
Con l’omologa di tale accordo di composizione della crisi da sovraindebitamento, fermo l’adempimento accordato, il debitore non sarà più debitore della restante somma.

Massimiliano Spada

Trib. Bergamo Sez. II Civile Decreto n. 24-2015 del 31.3.2015

Share.

About Author

Rispondi